Ropeginterferone alfa-2b in pazienti con trombocitemia essenziale

AOP Orphan Pharmaceuticals GmbH (AOP Health) prosegue il programma di ricerca clinica in oncoematologia relativamente al quale sono stati presentati due abstract al congresso 2024 della European Hematology Association (EHA), svoltosi a Madrid.
Il prof. Jean-Jacques Kiladjian ha presentato gli ultimi risultati degli studi Proud-PV/Continuation-PV, che mostrano una correlazione tra risposta molecolare e sopravvivenza libera da eventi (es. eventi trombotici, progressione della malattia) (EFS) tra i pazienti con policitemia vera (PV) che hanno ricevuto ropeginterferone alfa-2b o il miglior trattamento disponibile (1).

Un secondo abstract accettato riporta lo studio clinico di fase III avviato di recente da AOP Health che ha l’obiettivo di analizzare l’uso di ropeginterferone alfa-2b nei pazienti affetti da trombocitemia essenziale (TE) (2).

Ropeginterferone alfa-2b ha determinato tassi elevati di risposta molecolare (MR) a lungo termine rispetto al gruppo di controllo (3). L’analisi dell’intera coorte ha mostrato che per almeno 6 anni la sopravvivenza libera da eventi è stata significativamente prolungata tra i pazienti che avevano avuto una risposta molecolare all’ultima valutazione disponibile (p=0,01).

Gli eventi di rischio si sono verificati nel 3,8% dei pazienti con risposta molecolare all’ultimo timepoint rispetto al 15,7% in quelli senza risposta molecolare (p=0,02). Una tendenza corrispondente è stata osservata all’interno di ciascun braccio di trattamento.

Per quanto riguarda il carico allelico della mutazione JAK2V617F nel tempo, l’hazard ratio per gli eventi di rischio è stato 1,042 (p=0,0001), traducendosi in un aumento del 4,2% per una differenza dell’1% nel carico allelico; dunque, un carico allelico superiore del 10% aumenterebbe il rischio di sviluppare eventi di circa il 50% (1,04210=1,509).

Il prof. Jean-Jacques Kiladjian dell’UniversitĂ  di Parigi e primo autore dell’articolo, ha sottolineato che “queste nuove evidenze supportano la rilevanza clinica della riduzione del carico allelico della mutazione JAK2V617F per migliorare gli esiti a lungo termine nei pazienti con PV, che dovrebbero essere considerati l’obiettivo del trattamento”.

Studio clinico di fase III su ropeginterferone alfa-2b nella TE in corso in Europa

Con l’obiettivo di esaminare il potenziale utilizzo di ropeginterferone alfa-2b nei pazienti con TE, AOP Health ha lanciato lo studio prospettico multicentrico di fase III a braccio singolo ROP-ET che ha l’obiettivo di valutare la sicurezza e l’efficacia di ropeginterferone alfa-2b a lungo termine in pazienti che non possono ricevere terapie citoriduttive disponibili (4).

Lo studio è condotto in 36 centri in 10 Paesi europei e valuterĂ  i parametri ematologici e molecolari, i sintomi correlati alla malattia, gli eventi vascolari e la progressione della malattia, oltre al profilo di sicurezza di ropeginterferone alfa-2b. 

Nuovo farmaco candidato: a breve l’avvio ufficiale dello sviluppo clinico

Sulla base del comprovato successo nello sviluppo di terapie mirate alle cellule staminali tumorali, AOP Health sta ampliando la propria area di ricerca con un nuovo farmaco oncologico sperimentale primo nel suo genere.

Questo antagonista del recettore della serotonina 1B, altamente selettivo e disponibile per via orale, è stato scoperto e inizialmente sviluppato da Leukos Biotech, basandosi su ricerche condotte presso l’Istituto di Ricerca sulla Leucemia Josep Carreras, e concesso in licenza ad AOP Health per ulteriori sviluppi e diritti commerciali.

Seronco-1, uno studio di fase I condotto sull’uomo e focalizzato su pazienti con tumori solidi e linfomi, sarĂ  svolto in collaborazione con Leukos Biotech presso l’Istituto di Oncologia Vall d’Hebron (VHIO). Un successivo studio sulla leucemia mieloide acuta è previsto per il 2026.

Riferimenti bibliografici

  1. Kiladjian J-J, Klade C, Georgiev P, et al. JAK2V617F Molecular response correlates with event-free survival in an early polycythemia era population. 2024. https://library.ehaweb.org/eha/2024/eha2024-congress/422323 Last accessed 27 May 2024
  2. Kiladjian J-J, Ferrer MarĂ­n F, Al-Ali FK et al. ROP-ET: A prospective phase III trial investigating the efficacy and safety of ropeginterferon alfa-2B in essential thrombocythemia patients with limited treatment options. 2024. https://library.ehaweb.org/eha/2024/eha2024-congress/421616. Last accessed 27 May 2024
  3. Gisslinger H, Klade C, Georgiev P, et al. Event-free survival in patients with polycythemia vera treated with ropeginterferon alfa-2b versus best available treatment. Leukemia. 2023 Oct;37(10):2129-32
  1. Kiladjian JJ, Marin FF, Al-Ali HK, et al. ROP-ET: a prospective phase III trial investigating the efficacy and safety of ropeginterferon alfa-2b in essential thrombocythemia patients with limited treatment options. Annals of Hematology. 2024 Mar 4:1-2.