Eli Lilly and Company ha annunciato i risultati degli studi clinici di fase 3 SURMOUNT-OSA che hanno valutato tirzepatide iniettabile (10 mg o 15 mg) per il trattamento dell’apnea ostruttiva del sonno (OSA) da moderata a grave in adulti obesi, con e senza terapia con ventilazione a pressione positiva delle vie aeree (PAP).

In entrambi gli studi, tirzepatide ha raggiunto tutti gli endpoint primari e secondari sia per le stime di efficacia sia per quelle del regime di trattamento e ha dimostrato una riduzione media fino al 62,8% dell’indice di apnea-ipopnea (AHI), ovvero circa 30 eventi in meno di riduzione o interruzione del flusso d’aria di una persona per ora di sonno, rispetto al placebo.
I risultati completi sono stati pubblicati sul New England Journal of Medicine (NEJM) e presentati all’84a sessione scientifica dell’American Diabetes Association® (ADA).

In un endpoint secondario, la stima di efficacia ha mostrato che il 43,0% (studio 1) e il 51,5% (studio 2) dei partecipanti trattati con tirzepatide alla dose piĂą alta ha soddisfatto i criteri di risoluzione della malattia.
In questo contesto, risoluzione di malattia vuol dire raggiungere un AHI inferiore a 5 eventi l’ora o un AHI compreso tra 5 e 14 eventi l’ora e un punteggio Epworth Sleepiness Scale (ESS) ≤10. L’ESS è un questionario standard progettato per valutare la sonnolenza diurna.

L’OSA può avere impatto sulla progressione di gravi complicanze cardiometaboliche, tra cui ipertensione, malattia coronarica, ictus, insufficienza cardiaca, fibrillazione atriale e diabete di tipo 2. In entrambi gli studi i partecipanti trattati con tirzepatide hanno sperimentato miglioramenti significativi rispetto al placebo in tutti i principali endpoint secondari, tra cui la pressione arteriosa sistolica, il carico ipossico e la proteina C-reattiva ad alta sensibilitĂ  (hsCRP), un marcatore di infiammazione.

“Negli studi, i pazienti con apnea ostruttiva del sonno e obesitĂ  trattati con tirzepatide hanno mostrato circa 30 eventi in meno ogni ora di sonno e quasi la metĂ  ha raggiunto la risoluzione della malattia”, ha detto il dott. Atul Malhotra, presidente della Peter C. Farrell, professore di medicina presso la University of California San Diego School of Medicine e direttore di Medicina del sonno presso UC San Diego Health.
“L’OSA può avere ricadute dirompenti nella vita quotidiana e influisce sulla salute a lungo termine di una persona, se non trattata, perchĂ© può portare a gravi complicazioni cardiometaboliche. Questi dati supportano l’efficacia di tirzepatide negli adulti che vivono con OSA da moderata a grave e obesitĂ  e hanno il potenziale per aggiungersi alla nostra cassetta degli attrezzi per il trattamento dell’OSA”.

“Attualmente non ci sono opzioni di trattamento farmacologico per affrontare la causa alla base dell’OSA, una malattia complessa che grava pesantemente sulla vita quotidiana di 80 milioni di persone solo negli Stati Uniti ed è collegata a gravi complicazioni per la salute”, ha affermato Jeff Emmick, MD, Ph.D., vicepresidente senior Sviluppo Prodotti Lilly.
“I risultati di SURMOUNT-OSA hanno mostrato che una percentuale significativa di pazienti con OSA da moderata a grave e obesitĂ  trattati con tirzepatide ha raggiunto la risoluzione della malattia sulla base di misure di AHI ed ESS predeterminate, a quel punto la terapia PAP potrebbe non essere raccomandata”.

Il profilo di sicurezza complessivo di tirzepatide negli studi SURMOUNT-OSA è stato simile a quello degli studi SURMOUNT e SURPASS precedentemente riportati. Gli eventi avversi più comunemente riportati nello studio SURMOUNT-OSA sono stati gastrointestinali e generalmente di entità da lieve a moderata.

Gli eventi piĂą frequentemente riportati nei pazienti trattati con tirzepatide rispetto al placebo, sono stati rispettivamente diarrea (26,3% vs 12,5%), nausea (25,4% vs 10,0%) e vomito (17,5% vs 4,2%) nello studio SURMOUNT-OSA 1 e diarrea (21,8% vs 8,8%), nausea (21,8% vs 5,3%) e costipazione (15,1% vs 4,4%) nello studio SURMOUNT-OSA 2.
Gli eventi avversi hanno portato all’interruzione del trattamento in studio in 9 partecipanti che assumevano tirzepatide (5 nello studio 1 e 4 nello studio 2) e 10 che assumevano placebo (2 nello studio 1 e 8 nello studio 2).