Sclerosi multipla, studio Alithios rivela dati di efficacia di ofatumumab

In occasione dell’American Academy of Neurology, svoltosi nei giorni scorsi a Denver (Colorado, Usa), Novartis ha annunciato i dati dello studio di estensione open label Alithios, che dimostrano un’efficacia prolungata del trattamento in prima linea continuo con ofatumumab fino a sei anni in persone con sclerosi multipla recidivante (SMR) di recente diagnosi [1].

Questi risultati di efficacia includono il 44% in meno di recidive, una riduzione del 96,4% e dell’82,7% delle lesioni (Gd+ T1 e T2) alla RM, il 24,5% e il 21,6% in meno di eventi di peggioramento confermato della disabilitĂ  (CDW) a 3 e 6 mesi, rispettivamente, rispetto a coloro che sono passati successivamente a ofatumumab da teriflunomide [1].

Da un’analisi separata condotta sulla popolazione complessiva di Alithios è emersa un’efficacia simile con il trattamento continuo con ofatumumab, che è stato anche ben tollerato e ha mostrato un profilo di sicurezza coerente fino a sei anni [2].

La forma recidivante remittente di sclerosi multipla interessa circa l’85% delle 137.000 [3] persone diagnosticate solo in Italia. Numeri che, con un’incidenza di 1.600 [3] nuovi casi annui soprattutto nella fascia d’etĂ  25-40 anni, rendono la sclerosi multipla la prima causa di disabilitĂ  neurologica nei giovani adulti. Una malattia neuro infiammatoria cronica, quindi, che nel tempo porta a un accumulo di disabilitĂ  cognitive e fisica, impattando significativamente la qualitĂ  di vita delle persone.

“Nonostante gli enormi passi avanti fatti dalla ricerca che ci hanno fornito valide opzioni terapeutiche, a oggi non disponiamo ancora di una soluzione farmacologica risolutiva per la sclerosi multipla”, ha commentato il prof. Massimiliano Mirabella, professore associato di Neurologia all’UniversitĂ  Cattolica del Sacro Cuore, Campus di Roma, direttore della UOS Sclerosi Multipla della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Irccs e direttore del Centro di ricerca universitario Sclerosi Multipla Anna Paola Batocchi.
“Le evidenze scientifiche e la pratica clinica confermano, però, che l’inizio precoce di un trattamento ad alta efficacia, come ofatumumab, può avere esiti positivi a lungo termine nel controllo della progressione e nella prevenzione della disabilitĂ ”.  

Lo studio ha altresì mostrato che il trattamento con ofatumumab fino a sei anni è stato ben tollerato e non sono stati identificati segnali di sicurezza inattesi [2]. I tassi di eventi avversi (EA), EA gravi, infezioni gravi e tumori maligni sono rimasti stabili, senza aumento del rischio nel corso dei sei anni [2].

“Il profilo di sicurezza favorevole di ofatumumab, combinato con la sua alta efficacia clinica a sei anni e la versatilitĂ  data dall’autosomministrazione, lo candidano a diventare un trattamento di prima scelta per i pazienti naive con forme recidivanti di sclerosi multipla con malattia attiva, in grado di rallentare la progressione della malattia ma anche di migliorare la qualitĂ  della vita delle persone che ci convivono”, ha concluso il prof. Mirabella. 

Informazioni su ofatumumab

Ofatumumab è una terapia mirata alle cellule B, dosata e somministrata con precisione, che offre la flessibilità dell’autosomministrazione, per soggetti adulti affetti da forme recidivanti di sclerosi multipla (SMR). Ofatumumab è il primo anticorpo monoclonale (mAb) anti-CD20 completamente umano, autosomministrato una volta al mese mediante iniezione sottocutanea (SC) in soggetti con SMR [7,8,9].

Il regime di trattamento è stato progettato e testato per migliorare la sicurezza e la tollerabilitĂ  e ridurre al minimo il rischio di reazioni sistemiche correlate all’iniezione [7]. Le dosi iniziali di ofatumumab vengono somministrate alle settimane 0, 1 e 2, con la prima iniezione eseguita sotto la guida di un operatore sanitario. Le dosi mensili da 20 mg di ofatumumab sono associate a una rapida riduzione e a una deplezione quasi completa delle cellule B periferiche, senza effetti significativi sulla farmacocinetica dovuti al peso corporeo [7].

Come dimostrato negli studi preclinici, si ritiene che ofatumumab agisca legandosi a un epitopo distinto sulla molecola CD20, inducendo una potente lisi e deplezione delle cellule B (10).

Il meccanismo d’azione selettivo e l’iniezione per via SC di ofatumumab consentono una somministrazione precisa nei linfonodi, dove è necessaria la deplezione delle cellule B nella SM; gli studi preclinici hanno dimostrato che può preservare le cellule B presenti nella milza [11].

I dati degli studi principali Asclepios I/II dimostrano l’efficacia di ofatumumab e il suo profilo di sicurezza e tollerabilitĂ  favorevole nei partecipanti con SMR, e lo studio di estensione in aperto Alithios fornisce un ulteriore supporto con dati fino a 6 anni [12]. La somministrazione domiciliare di ofatumumab in dosi mensili di 20 mg/0,4 mL mediante autoiniettore (Sensoready®) soddisfa inoltre le preferenze di molte persone affette da sclerosi multipla per la sua facilitĂ  d’uso e favorisce la compliance e la persistenza dei pazienti alla terapia nel corso del tempo [7]. Ofatumumab è stato originariamente sviluppato da Genmab e concesso in licenza a GlaxoSmithKline; Novartis ha ottenuto da GlaxoSmithKline i diritti per ofatumumab in tutte le indicazioni, compresa la SMR, nel dicembre 2015 [13].

Ofatumumab è stato approvato per il trattamento delle forme recidivanti di sclerosi multipla in oltre 90 Paesi nel mondo, con più di 100.000 pazienti trattati a marzo 2024.

Riferimenti bibliografici

  1. Pardo G, Hauser S, Bar-Or A, et al. Longer-term (up to 6 Years) Efficacy of Ofatumumab in People with Recently Diagnosed and Treatment-NaĂŻve Relapsing Multiple Sclerosis. Presentazione orale all’incontro annuale dell’American Academy of Neurology (AAN) 2024; 13-18 aprile 2024; Denver, CO. 
  2. Wiendl H, Hauser S, Nicholas J, et al. Longer-term Safety and Efficacy of Ofatumumab in People With Relapsing Multiple Sclerosis for Up to 6 Years. Presentazione su poster all’incontro annuale dell’American Academy of Neurology (AAN) 2024; 13-18 aprile 2024; Denver, CO.
  3. AISM- Associazione Italiana Sclerosi Multipla APS/ETS, Barometro della Sclerosi Multipla e patologie correlate 2023
  4. Guthrie E.W. Multiple sclerosis: A primer and update. Adv Studies Pharm. 2007;4(11):313-317.
  5. Multiple Sclerosis International Federation. Atlas of MS 2013-Mapping Multiple Sclerosis Around the World. Accessed August 12, 2020. http://www.msif.org/wp-content/uploads/2014/09/Atlas-of-MS.pdf  
  6. National MS Society. Types of MS. Data di consultazione: 18 gennaio 2023. https://www.nationalmssociety.org/What-is-MS/Types-of-MS
  7. Hauser SL, Kappos L, Bar-Or A, et al. The Development of Ofatumumab, a Fully Human Anti-CD20 Monoclonal Antibody for Practical Use in Relapsing Multiple Sclerosis Treatment. Neurol Ther. 2023;12(5):1491-1515. doi:10.1007/s40120-023-00518-0  
  8. Kesimpta Prescribing Information. East Hanover, NJ: Novartis Pharmaceuticals Corp; settembre 2022.
  9. Bar-Or A, Fox E, Goodyear A, et al. Onset of B-cell depletion with subcutaneous administration of ofatumumab in relapsing multiple sclerosis: results from the APLIOS bioequivalence study. Presentazione su poster in occasione di: ACTRIMS; febbraio 2020; West Palm Beach, FL.
  10. Smith P, Kakarieka A, Wallstroem E. Ofatumumab is a fully human anti-CD20 antibody achieving potent B-cell depletion through binding a distinct epitope. Presentazione su poster in occasione di: ECTRIMS; settembre 2016; Londra, Regno Unito.
  11. Smith P, Huck C, Wegert V, et al. Low-dose, subcutaneous anti-CD20 therapy effectively depletes B-cells and ameliorates CNS autoimmunity. Presentazione su poster in occasione di: ECTRIMS; settembre 2016; Londra, Regno Unito.
  12. Cohen, J.A., Hauser S.L., Fox E., et al. Effect of Longer-term Ofatumumab Treatment on Disability Progression and Brain Volume Change. Presentazione su poster in occasione di: AAN; aprile 2023; Boston, Stati Uniti.
  13. Genmab Press Release: Genmab announces completion of agreement to transfer remaining ofatumumab rights. December 21, 2015. Accessed January 18, 2023. https://ir.genmab.com/static-files/9d491b72-bb0b-4e46-a792-dee6c29aaf7d

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui